Bitcoin

I PRINCIPALI PRELIEVI DI BITCOIN DAL VERBALE DELLA RIUNIONE DI SETTEMBRE DI FED

Veröffentlicht

La Bitcoin è cresciuta di oltre il 200 per cento rispetto al suo nadir di metà marzo di quest’anno, sostenuta dalle politiche espansionistiche senza precedenti della Federal Reserve.

Ma i verbali della riunione della banca centrale statunitense del mese scorso hanno mostrato che i loro funzionari non erano d’accordo sull’attuazione dei loro nuovi quadri politici. Alcuni funzionari hanno osservato che avrebbero dovuto chiarire le loro ultime parole riguardo agli acquisti di titoli del Tesoro e di titoli garantiti da ipoteca.

SOPRAVVALUTAZIONE DELLA CRESCITA

Le divisioni sono apparse anche su come rendere più semplici le loro promesse di tassi di interesse più bassi, gettando dubbi su come i funzionari della Fed avrebbero raggiunto un consenso sui loro piani di acquisto di attività.

Le politiche hanno contribuito a far salire i prezzi dei Bitcoin dopo il loro crollo fino al 60% nel marzo 2020. I tassi vicini allo zero e l’acquisto di obbligazioni illimitate hanno ridotto i rendimenti a livelli record. Questo ha spinto gli investitori a cercare profitti nei mercati più rischiosi, a vantaggio di Bitcoin Era, oro e azioni statunitensi.

Ma il verbale ha rivelato che i funzionari della Fed hanno sopravvalutato il loro ruolo nel continuare la sua politica espansiva. Questo era visibile nelle loro proiezioni economiche. Ha mostrato che i funzionari si aspettavano un rimbalzo a V, così come un calo più netto del tasso di disoccupazione. Ma niente di tutto ciò è accaduto.

STIMOLO E BITCOIN

Il motivo della fiducia della Fed è stata l’anticipazione di un prelievo di liquidità a richiesta da parte del governo statunitense.

La banca centrale si aspettava una spesa aggiuntiva da parte del Congresso e della Casa Bianca in cima al loro pacchetto di stimolo per il coronavirus da 2.000 miliardi di dollari. Ma questo sembra meno probabile che si materializzi, data la recente svolta degli eventi.

Mentre il Bitcoinist ha parlato qui, il presidente Donald Trump ha detto martedì che sospenderà tutte le negoziazioni con i Democratici al Congresso almeno fino alle elezioni presidenziali del 3 novembre. Questo ha offuscato le prospettive di vedere un aiuto di soccorso del tutto, lasciando alla Fed poca liquidità per continuare il suo programma di acquisto di attività.

L’evento ha anche lasciato il mercato Bitcoin sotto stress. BTC/USD è scesa bruscamente di 300 dollari subito dopo il tweet di Mr. Trump, ribadendo sentimenti che equiparano un deficit fiscale in espansione ad un mercato rialzista di criptovalute.

Il cervo alla fine si ferma al secondo stimolo del coronavirus. Come il presidente della Fed, Jerome Powell, ha anche notato nel suo discorso alla National Association for Business Economics di martedì, l’economia statunitense rischiava di precipitare ancora più in basso in assenza di aiuti.

„Troppo poco sostegno porterebbe ad una debole ripresa, creando inutili difficoltà alle famiglie e alle imprese“, ha detto. „I rischi di esagerare sembrano, per ora, essere minori. Anche se alla fine le azioni politiche si riveleranno più grandi del necessario, non andranno sprecate“. Il recupero sarà più forte e si muoverà più velocemente“.

Su una nota più brillante, Bitcoin ha ricevuto una pausa dal test in tre parti della Fed prima di considerare l’aumento dei tassi a breve termine da vicino a zero. Questo inizia con condizioni soddisfacenti del mercato del lavoro, seguito da un’inflazione superiore al 2%.

Ciò ha dimostrato che il Tesoro rimarrà poco appetibile per gli investitori nel breve termine. Ciò potrebbe consentire agli investitori di aumentare la loro esposizione nel mercato Bitcoin.